Avvocato reputazione online: come chiedere la rimozione di notizie che ti riguardano

Dopo aver inserito i tuoi dati su Google ti sei accorto che il famoso motore di ricerca ha memorizzato molte informazioni sul tuo passato?

 

rimozione di contenuti indesiderati

In molti pensano di essersi lasciati alle spalle il proprio passato, salvo poi rendersi conto che non è così.

Cercando il proprio nome su Google spesso ci si imbatte in risultati di ricerca negativi, notizie false o dati che non si immaginava potessero essere pubblicamente accessibili a chiunque. La prima cosa che viene in mente è come ottenere la cancellazione dei dati personali dal web. Si tratta di vicende del passato, fatti di cronaca o più in generale informazioni di molti anni fa’ e che a distanza di tempo continuano a circolare sul web. Il riemergere di fatti e notizie associate al proprio nome e che si pensava ormai superati possono provocare uno stato di grande agitazione e stress. Forte è il timore che la facile reperibilità sul web di notizie negative sul proprio conto possa compromettere rapporti d’affari, nuove opportunità lavorative oppure provocare forte imbarazzo nelle relazioni con parenti ed amici.

Cosa si può fare per ottenere la rimozione di contenuti indesiderati dal web e bloccare la diffusione di notizie pregiudizievoli?

È fondamentale agire tempestivamente per riprendere il controllo dei propri dati personali, bloccando la diffusione di informazioni e notizie pregiudizievoli. Per prima cosa occorre verificare se l’interessato abbia diritto a che l’informazione riguardante la sua persona non venga più, allo stato attuale, per il tempo decorso, collegata al suo nome da un elenco di risultati che appare a seguito di una ricerca effettuata a partire dal suo nome. Tale verifica prende in considerazione una serie di criteri. Il diritto all’oblio non è un diritto assoluto ma deve sempre essere bilanciato con l’interesse del pubblico alla conoscibilità della notizia, con il diritto di cronaca e l’interesse economico del motore di ricerca.

Quali sono i criteri da prendere in considerazione nel bilanciamento di interessi?       

Uno dei criteri è il ruolo del soggetto di cui si chiede la tutela ed in particolare se riveste un ruolo nella vita pubblica. Un altro criterio attiene alla tipologia di informazioni pubblicate. Occorre anche considerare il tempo trascorso dai fatti ovvero se le notizie pubblicate sono risalenti nel tempo oppure si tratta di vicende recenti.

Cosa fare in concreto per ottenere la rimozione di contenuti indesiderati?

Il primo passo è chiedere la deindicizzazione dei dati a Google. La deindicizzazione consiste nella cancellazione dei dati personali dai risultati di ricerca di Google a partire dal proprio nome e cognome. Questo il link per procedere con la richiesta LINK CANCELLAZIONE. E’ altresì possibile rivolgersi al gestore della pagina internet su cui sono state pubblicate le informazioni di cui si chiede la rimozione: giornale, blog, social network.

Oggi riproponiamo uno dei tanti provvedimenti dell’Autorità Garante per la Privacy relativi al diritto all’oblio. Si tratta del Provvedimento n. 9075221. Il reclamo al Garante per la privacy era stato presentato a seguito del diniego da parte di Google di deindicizzare i dati personali del reclamante. Questa breve analisi ci aiuta a comprendere in quali occasioni è possibile chiedere la rimozione di contenuti indesiderati.

Quali erano le ragioni del reclamante?

La persona che chiedeva la cancellazione del proprio nome, invocava il diritto all’oblio ex art. 17 del Regolamento UE 2016/679 (“GDPR”) sostenendo inoltre di a) non essere un personaggio di rilievo pubblico; b) di non essere mai stato condannato da alcun Tribunale e c) che la sentenza di assoluzione avrebbe reso “inesatte” le notizie in questione.

Perchè Google aveva rifiutato di rimuovere i contenuti?

Google aveva ritenuto di non accogliere le richieste del Reclamante con riguardo ad alcuni URL, per i quali non riteneva sussistenti i presupposti per poter accogliere l’istanza dell’interessato, trattandosi, a dire di Google, di informazioni vere e perfettamente aggiornate, dando tutte conto della sentenza di assoluzione emessa nei suoi confronti ed escludendo la sussistenza del diritto all’oblio per i seguenti motivi

a) mancanza del requisito del trascorrere del tempo, in quanto le notizie risalgono al gennaio 2018;

b) ruolo pubblico del reclamante, quale commercialista iscritto in apposito albo;

c) natura giornalistica dei contenuti in questione riportati in organi di stampa di rilevanza nazionale.

Google in estrema sintesi riteneva che la notizia fosse aggiornata, il tempo trascorso fosse insufficiente a giustificare la deindicizzazione dei contenuti, il reclamante avesse un ruolo pubblico e le informazioni fossero state pubblicate nell’esercizio legittimo di un diritto di cronaca e che gli anzidetti motivi fossero sufficienti ad escludere la rimozione dei contenuti.

La decisione del Garante per la privacy.

Premesso che il Garante fonda la propria competenza a decidere sulla questione e ad esercitare i poteri assegnati nei confronti di Google LLC, in quanto stabilita in Italia attraverso Google Italy e che, anche ai sensi dell’art. 56, par. 2, del Regolamento, il trattamento effettuato da Google LLC, nella fattispecie in esame, incide in modo sostanziale sugli interessati unicamente nel territorio italiano.

Dichiaratosi competente, il Garante ritiene di non dover accogliere la domanda di rimozione non rinvenendone sufficienti presupposti. Tale conclusione tiene conto dei seguenti fattori:

  1. ridotto intervallo di tempo intercorso dalle vicende in oggetto (si tratta del gennaio 2018);
  2. l’interesse pubblico alla conoscenza di tali vicende, anche in considerazione dell’attività professionale svolta dal reclamante;

Qui il link per leggere il provvedimento: https://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/9075221

Siamo a disposizione per fornirti tutto il supporto necessario alla tutela della tua reputazione online. Se vuoi rimuovere tuoi contenuti e dati personali dal web o cancellare notizie da internet e Google, compila il seguente modulo.

Compila il modulo

Scopri i nostri servizi di tutela della privacy e della reputazione.

Scopri di più

assistenza legale diritto oblio, avvocato diritto all'oblio, avvocato rimozione dati personali dal web, cancellare url, cancellazione dati personali dal web, eliminare dati da google, eliminare il nome da google, rimozione contenuti da google


Diritto dell’internet e nuove tecnologie

Cosa facciamo

Offriamo consulenza legale  in materia di internet e nuove tecnologie, contrattualistica, e-commerce, marketplace, software e cloud, privacy e protezione dei dati personali, conformità al GDPR. Assistiamo privati e società con le richieste di rimozione dei contenuti dalla rete (“diritto all’oblio”), tutela dell’immagine e dell’identità personale sul web.

Contatti

info@lawgeek.it

© Lawgeek dell’Avv. Marco Bigarelli, P.I. 12741031004 | Largo Luigi Antonelli 2, 00145 Roma | Privacy Policy | Cookies Policy | Web Design by Gdmtech.it