logo
Copyright Qode Interactive 2016
Contratto di licenza software. Consulenza legale contratti software
1939
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-1939,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive,it
 

Contratto di licenza software

Contratto di licenza software

 

Il contratto di licenza software contiene le regole relative all’uso di un programma. Esso stabilisce la concessione a titolo oneroso del diritto di utilizzare un programma in conformità alle regole in esso previste. Di norma l’uso del programma per un periodo di tempo concordato viene concesso a fronte del pagamento di un canone mensile o annuale.

La licenza dovrebbe avere carattere non esclusivo. In caso contrario il titolare del programma si precluderebbe la possibilità di concedere in uso il software ad altri licenziatari. Il software può essere fornito su di un supporto magnetico oppure tramite procedura di download. La licenza d’uso serve a disciplinare le modalità di utilizzo del programma da parte dell’utente licenziatario: essa può essere cedibile a terzi o non cedibile, può prevedere la facoltà di concedere il programma in sublicenza, può contenere o meno una serie di limitazioni, ad esempio il divieto di utilizzare il software per erogare servizi a terzi senza aver acquistato una licenza specifica oppure il divieto di distribuire il programma, oppure di incorporare il software all’interno di altri programmi sempre al fine di distribuzione e rivendere il software stesso o servizi erogabili attraverso di esso. Le condizioni di licenza software possono altresì restringere l’uso del software ad un numero determinato di utenti dell’organizzazione del licenziatario, imponendo l’acquisto di ulteriori licenze in base al numero di utenze.

La licenza d’uso serve a tutelare il titolare del software nelle ipotesi di pretese e richieste risarcitorie avanzate dal licenziatario in caso di malfunzionamenti ed errori del software, ad esempio in caso di perdita dei dati. Il titolare del programma dovrebbe quindi fare in modo di limitare la propria responsabilità alla rispondenza del programma alle sue specifiche tecniche, senza garantire un funzionamento ininterrotto o privo di errori, né la sua idoneità a soddisfare uno scopo particolare.

Per richiedere allo Studio la stesura di un contratto di licenza software, clicca qui.

INVIA RICHIESTA

COMPILA MODULO