GDPR o Regolamento (UE) 2016/679: un’opportunità per le imprese.

GDPR

GDPR: un Regolamento scritto per durare nel tempo.

Il Regolamento 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali ha abrogato e sostituito la direttiva 95/46/CE.
Un intervento legislativo atteso da molto tempo, se pensiamo che l’approvazione della direttiva 95/46/CE risaliva ormai al 24 ottobre 1995.
La direttiva 95/46/CE era stata recepita in Italia attraverso il decreto legislativo 196/2003 (c.d. Codice Privacy).
Il mutato scenario tecnologico che vede ormai un ruolo predominante delle odierne tecnologie relative ad Internet e al mondo digital, dai social media ai big data, richiedeva un intervento normativo al passo con i tempi.
Era sempre più evidente l’esigenza di dotarsi di uno strumento che regolamentasse in maniera efficace il trattamento dei nostri dati stabilendo un rapporto di fiducia tra consumatori ed imprese.

Più trasparenza da parte delle aziende e maggior controllo sui propri dati.

Il nuovo Regolamento si propone di incentivare una maggior trasparenza ed un maggior controllo sulla gestione dei dati personali nell’ottica di aumentare la fiducia degli utenti nei confronti delle imprese che trattano dati personali.
I dati personali sono una parte di noi: cosa abbiamo fatto, cosa abbiamo letto, i luoghi che abbiamo visitato, le persone che fanno parte della nostra rete di contatti, il nostro stato di salute, le nostre scelte finanziarie, le nostre convinzioni politiche e religiose.
Il nostro desiderio di prenotare un volo, di aggiornare il nostro browser o registrarsi per utilizzare un servizio non dovrebbe essere regolato semplicemente ed unicamente dai termini d’uso stabiliti unilateralmente dal gestore di un sito. Abbiamo finalmente a disposizione uno strumento che consente alle persone fisiche di riprendere il controllo sui propri dati personali. Chi tratta dati personali dovrà adottare maggior trasparenza e responsabilità.

Norme più severe contro i trattamenti illeciti.

Il GDPR prevedere norme più severe per prevenire il furto e la perdita di dati con un inasprimento delle sanzioni amministrative per coloro che deliberatamente o per negligenza usano dati personali in maniera impropria.
Aggiungo che la data del 25 maggio 2018 (giorno di applicazione del GDPR) non è un traguardo ma l’inizio di un processo evolutivo a partire dal quale le aziende potranno mettere al centro dei propri servizi l’utente e la tutela dei suoi dati, guardando al GDPR come un valore aggiunto ed adottando misure in favore della trasparenza.
Così facendo le aziende saranno in grado di innovare mantenendo alta la fiducia dei propri clienti, informandoli in maniera semplice, chiara e facilmente intellegibile e fornendo strumenti di controllo sui dati personali raccolti.
Vuoi saperne di più?

cookies policy, dati personali, GDPR, privacy policy, regolamento privacy


Diritto dell’internet e nuove tecnologie

Cosa facciamo

Offriamo consulenza legale  in materia di internet e nuove tecnologie, contrattualistica, e-commerce, marketplace, software e cloud, privacy e protezione dei dati personali, conformità al GDPR. Assistiamo privati e società con le richieste di rimozione dei contenuti dalla rete (“diritto all’oblio”), tutela dell’immagine e dell’identità personale sul web.

Contatti

info@lawgeek.it

© Lawgeek dell’Avv. Marco Bigarelli, P.I. 12741031004 | Largo Luigi Antonelli 2, 00145 Roma | Privacy Policy | Cookies Policy | Web Design by Gdmtech.it