logo
Copyright Qode Interactive 2016
Rimuovere informazioni personali da Google e tutela della reputazione.
2346
post-template-default,single,single-post,postid-2346,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive,it

08 gen Rimuovere informazioni personali da Google

Rimuovere informazioni personali da Google

Rimuovere informazioni personali da Google

 

Alcuni dati sulle richieste volte a rimuovere informazioni personali in Italia

Da quando la storica sentenza della Corte di Giustizia UE del 13 maggio 2014 ha sancito il diritto di ciascuno a non rimanere illimitatamente esposto alle conseguenze negative di una rappresentazione non più attuale di sé, le richieste di rimozione di informazioni personali indirizzate a Google dal 2014 al 2019 sono state più di 72.000 solo in Italia, per un totale di 302.000 url di cui è stata chiesta la rimozione. Di queste, ben il 62,5 % sono state respinte.

I parametri di giudizio

Come abbiamo visto in altri articoli, una eventuale decisione circa la rimozione di informazioni personali da Google si basa su diversi parametri di giudizio (vedasi in proposito le linee guida Gruppo di lavoro ex Art. 29). Secondo le Corti Europee tali criteri o parametri permettono di effettuare un bilanciamento tra l’interesse del singolo ad essere dimenticato e quello opposto della collettività a mantenere viva la memoria di fatti a suo tempo legittimamente divulgati. Il bilanciamento presuppone un complesso giudizio nel quale assumono rilievo decisivo i seguenti parametri:

  • la notorietà dell’interessato;
  • il suo coinvolgimento nella vita pubblica;
  • il contributo ad un dibattito di interesse generale;
  • l’oggetto della notizia;
  • la forma della pubblicazione ed il tempo trascorso dal momento in cui i fatti si sono effettivamente verificati.

La posizione delle Corti di merito

Secondo i Tribunali di merito, il lasso di tempo trascorso dai fatti di cronaca in riferimento ai quali si chiede la deindicizzazione del proprio nome gioca un ruolo altrettanto importante. Una recente sentenza del Tribunale di Milano, la numero 3578/2018 ha valutato in 4 anni dalla pubblicazione della notizia il ragionevole lasso di tempo al termine del quale l’articolo può passare all’archivio informatico della testata. A pesare è anche l’eventuale chiusura o meno della vicenda giudiziaria che vede coinvolto chi chiede la rimozione di informazioni personali da Google, se le notizie sono di interesse pubblico e riguardano un’importante indagine giudiziaria che ha coinvolto numerose persone, seppure in ambito locale.

Contattami se vuoi rimuovere informazioni personali da Google e tutelare la tua reputazione online. Il modulo online per chiedere a Google la rimozione di informazioni personali è raggiungibile qui LINK CANCELLAZIONE.

 

Invia richiesta

Avv. Bigarelli
marcobigarelli@hotmail.it
No Comments

Post A Comment